Scellerata scelta geotermica ad Ischia-località altamente sismimica E campi Flegri

Lettera aperta all’avvocato Francesco Cellamare –asso- forense dell’isola d’Ischia

Per conoscenza ai sei sindaci dell’Isola d’Ischia

Geotermia ad Ischia e Campi Flegrei

 

Esimio avvocato

Conoscendo le sue innumerevoli battaglie –andate tutte a buon fine, Le chiedo da isolana di prendere a cuore la questione che le sottopongo. Con l’associazione forense, avvalendovi della nobile arte del diritto desidero ardentemente che in merito alla folle e scellerata scelta di utilizzo geotermico sull’isola d’Ischia poneste attenzione alla pericolosità del suo utilizzo. E trovarne giuridicamente una immediata soluzione.  Come ben sa la geotermia è una risorsa energetica che produce a basso costo calore ed elettricità. Il suo utilizzo come ampiamente documentato da anni ha dato delle risposte in termine di risparmio. E di guadagno x le multinazionali .Qui sull’isola potrebbe secondo autorevoli geologi ed esperti presentare delle serie conseguenze in termini  di movimenti tellurici se non addirittura veri e propri terremoti. Seguo e ho scritto in merito più di un articoli-intervista al geologo Bartolomeo Garofalo che nella sua puntuale illustrazione riteneva poco rilevante le ripercussioni sul territorio. Garofalo sostiene che le perforazioni fatte con dovuta distanza da case e punti nevralgici non più di tanto avrebbero promosso oscillazioni al territorio :” millesimale e leggera vibrazione”. Di rimando il prof. Francesco Ortolani-ordinario di geologia si chiede:” le reiniezioni ad alta pressione nel sottosuolo dei fluidi estratti in pozzi vicini non sono mai stati eseguiti fino ad oggi. Qui a Ischia “. L’esperto si interroga sul serio rischio.” Le perforazioni e le reiniezioni nel sottosuolo , diminuiscono o aumentano il rischio di sismicità già esistente? Chi si assume la responsabilità di tale catastrofe con questi interventi in zona vulcanica o sismica o geormorfologica ( Ischia)? E i danni chi li pagherebbe?. E come? Illustre avvocato personalmente mi pongo la stessa domanda dell’Ortolano pur essendo a digiuno di competenze in materia. Credo che Lei stesso e l’asso -forense se la porranno e l’intera comunità ischitana. Ai sindaci dormienti invitiamo celermente a prendere atto . Sicura dell’interessamento Le porgo i miei più distinti saluti .lucia manna@gmail.com

Il senatore Sergio Puglia portavoce del M5S portavoce lavoro e previdenza sociale a Forio d’Ischia il 26-05 015

Inviamo ai media il seguente comunicato?

Contro la NASPI: martedì 26 incontro con il portavoce M5S in Senato Sergio Puglia

Sergio Puglia, portavoce M5S alla 11ª Commissione permanente del Senato (Lavoro, previdenza sociale), incontra i cittadini in piazza Matteotti a Forio martedì 26 maggio 2015 alle 11 contro le nefandezze introdotte dal Jobs Act. È ormai agli atti di Camera e Senato la dura lotta portata avanti dal M5S in Commissione Lavoro e poi in Aula. La denuncia contro questo danno economico ai lavoratori stagionali era stata posta all’attenzione del PD in data 17/02/2015 in Commissione Lavoro al Senato della Repubblica. Un’ulteriore sollecitazione del M5S è del 9 aprile scorso, con un’interrogazione a risposta urgente al Ministro del Lavoro, Poletti, sulle conseguenze dell’introduzione della NASPI. In data 16/03/2015 con Atto n. 1-00402 il Movimento 5 Stelle ha presentato la mozione Salva-Stagionali.
E non ci fermeremo. Intendiamo spingere con ogni mezzo il governo ad intervenire a tutela dei lavoratori stagionali, come la Petizione Popolare per la quale stiamo raccogliendo le firme.
Meetup Ischia in MoVimento

Al via NativeCicerone il sito con anima Ischitana che vuole cambiare il mondo dei viaggi

NativeCiceroneVi segnalo NativeCicerone
( www.nativecicerone.com ) un progetto no-profit che permette a ciascun utente di proporre dei tour “amatoriali” a viaggiatori stranieri che ci vengono a visitare.
L’obiettivo del sito è facilitare le amicize cross-culturali e lo scambio linguistico.
Si tratta quindi di un’esperienza di arricchimento anche molto divertente. I Ciceroni offrono i tour non per profitto ma per il piacere di incontrare nuovi amici (anche se i ciceroni ricevono mance volontarie). Il sito è nato da un’idea di un ragazzo ischitano, ed è ad alto potenziale perché si rivolge ad una platea internazionale.

Io ho già aderito all’iniziativa creando un profilo e proponendo un tour:
www.nativecicerone.com/tour/i-misteri-di-zaro-0
Aderite anche voi alla community, è un progetto meritevole, senza scopo di lucro.

 

Lettera aperta al cittadino Onorevole Luigi di Maio del M5S

Vogliamo portare la sua attenzione sulla protesta dei lavoratori stagionali che con l introduzione della nuova normativa si vedranno drasticamente ridotti il sussidio di disoccupazione. Praticamente la nuova normativa prevede che se si è lavorato 6 mesi si avrà diritto a soli 3 mesi di sussidio rimanendo scoperti di un qualsiasi reddito per i restanti 3 mesi. Parliamo di 400 000 lavoratori stagionali con rispettive famiglie, che non hanno scelto un lavoro stagionale ma che vivendo in località turistiche hanno solo questa possibilità. Non si tratta di assistenzialismo, si tratta di fabbisogno, si tratta di un’ opportunità lavorativa là dove non si hanno altre alternative se non restare disoccupati. E a soffrirne non saranmo solo le famiglie coinvolte ma l intero indotto economico di queste località, l intero settore turistico e l economia in generale perché ci sarà una contrazione della spesa da parte di queste famiglie. Vi chiediamo di dar voce alla nostra protesta, siamo invisibili già per troppe persone. Per il Governo siamo solo dei numeri, per l Istat dei dati statistici, per l Inps delle matricole. A voi diciamo che invece siamo PERSONE, siamo CITTADINI di uno Stato indegno che invece di salvaguardare il suo popolo lo vessa di tasse e lo priva dei fondamentali diritti.P.S lucia manna attivista del M5S dell’Isola D’Ischia Napoli.

Dist.issimo Luigi- sappiamo che il nostro Movimento è stato il primo con Sel a prendere a cuore la situazione degli STAGIONALI. Ischia vive solo di turismo.  Potrai immaginare che catastrofe economica sarebbe x le famiglie isolane qualora non si ponesse rimedio a questa scabrosa situazione lavorativa. Oltre al necessario mantenimento familiare, i ragazzi delle stesse verrebbero preclusi dalla facoltà di continuare gli studi universitari. E altro. Sicura del continuo interessamento auguro un buon lavoro. Con tanta stima lucia manna

vocidaischia@gmail.com

La Madonna di Zaro invita a fare outing

golfoLa Madonna di Zaro: l’ “apocalisse” è vicina. Oggi la copertina de Il Golfo recitava questo titolo.

Cara Lucia, avrai notato che quelli de Il Golfo non riconoscono uno scoop nemmeno se ci sbattono contro.

E’ da vent’anni che la Madonna prevede terremoti e guerre, mica è questa la vera notizia! Fossi nel direttore ammonirei tutti per negligenza. E’ che diavolo! Nessun giornalista si è degnato di andare sulla pagine Facebook della Madonna di Zaro per toccare con mano gli effetti dell’ultimo messaggio sulla vita degli ischitani!

Oggi quindi non voglio prendermela con le veggenti ne tanto meno voglio insinuare dubbi che la Madonna appaia veramente il 26 di ogni mese. Anzi, se me lo chiedete, sono piuttosto sicuro che la Madonna compare ad Angelina anche quando frigge le melanzane.

E per chi fosse ancora scettico sulle apparizioni, io posso testimoniare: Angelina esiste per davvero. Ho visto Angelina da Circiello mentre litigava con il fratello per questioni legate all’eredità (a quanto pare il regno dei cieli non gli basta).

Oggi invece voglio puntare il dito contro i giornalisti ischitani che non si sforzano a comprendere la portata rivoluzionaria dell’ultimo messaggio che ha creato un vero terremoto nelle coscienze cambiando la vita di molti (altro che ISIS e maremoti!).

La Madonna di Zaro sta diventata sempre più un’ influencer, allontanandosi nello stile dalla Madonna di  Medjugorje  e avvicinandosi sempre di più a Madonna la cantante.

Se avesse ascoltato l’ultimo messaggio della Madonna di Zaro questo paragone non vi sembrerebbe poi così assurdo, leggete con i vostri occhi, e ditemi se queste non sono le preoccupazioni di una popstar: “Figli miei, mi addolora molto vedervi numerosi ma tiepidi”.

Insomma alla Madonna di Zaro non basta avere i follower ma vuole che essi siano caldi (proprio come Madonna al mitico concerto di Milano: “siete pronti????????”  “Sììììììììììììììì” “Siete caldi?!?” “Sììììììììììììììììì”, “Anchìo!”).

No! Non è questo il mancato scoop del Golfo per il quale tutti i giornalisti dovrebbero essere licenziati. Lo scoop è che la madonna ha invitato i propri Follower a fare outing e sono in molti che hanno aderito all’iniziativa.

La Madonna di Zaro, con un tono leggermente minaccioso, ha infatti detto: “Figli, Dio vi conosce uno ad uno e sa tutto di voi. Quello che siete, dimostratelo apertamente, non fingete perché prima o poi ve ne pentirete”.

E da qui, sulla pagina di Facebook della Madonna di Zaro, è esploso un’escalation di outing tutto all’ischitana! Leggete i commenti sotto l’ultimo messaggio e verificate voi stessi: il prete gay, il ristoratore truffaldino, la moglie infedele, l’albergatore “rattuso”, tutti che si stanno alleggerendo la coscienza dichiarando su Facebook la propria natura.

madonna-fb

Senza ombra di dubbio, per la portata rivoluzionaria dell’ultimo messaggio, la Madonna di Zaro si è aggiudicata il premio di Reginetta dei Cieli (alla faccia di Medjugorje, tiè!).

Comunque, a parte gli scherzi, non voglio mettere in difficoltà nessun giornalista del Golfo. Lo ammetto, l’articolo nemmeno l’ho letto, ho visto solo la copertina del giornale: del resto, come tutti gli ischitani, compro il Golfo solo per leggere gli orari degli aliscafi.

Vincenzo Romano

COMUNICATO STAMPA : I fiori inglesi del Dott. Bach parlano “lucano”

 

I Fiori Inglesi del GiovanniCanoraDr. Bach parlano “Lucano”

 

Gentile Direttore, Giornalista

 

la domanda di salute attinente alle Medicine Complementari pone Medici, Biologi, Farmacisti e operatori sanitari di fronte alla sempre più sentita esigenza di una formazione e aggiornamento professionale.

 

La formazione in Floriterapia Dr. E. Bach, con i 3 moduli di formazione post-laurea, promossa e organizzata dall’Ordine dei Farmacisti di Potenza, in un ambito di un programma didattico di formazione e aggiornamento per la Medicina Integrata, rappresenta l’occasione di una proposta formativa interprofessionale coinvolgendo i colleghi medici, farmacisti e nutrizionisti, al fine di una migliore compliance terapeutica e di servizio sanitario territoriale, per quella domanda di benessere e salute non bisognosa del farmaco di sintesi.

 

L’antica Lucania attraverso lo studio decennale del Dr. Nicola Di Novella, si pone all’attenzione nazionale ed internazionale per le caratteristiche di biodiversità della Flora e delle Piante officinali.

 

Il 16 e 30 Novembre presso l’Ordine dei Farmacisti di Potenza inizia un percorso di formazione in Floriterapia del Dr. E. Bach, riconosciuta dall’ OMS nel 1976.

 

Certo del Suo interesse per la informazione a mezzo stampa, in attesa fiduciosa benevole riscontro.

 

 

13 Novembre 2014

Cordiali saluti

 

Coordinatore territoriale

Dr. Martino Iacenda

 

Miracolo a Zaro.

La dott.ssa Maria Lauro, archeologa e presidente dell’associazione Madonna di Zaro, dopo la nostra segnalazione ha riportato allo stato dei luoghi una rampa di scale che porta al sacro luogo della Vergine Maria. Rampa cementata a sua insaputa dopo uno spiacevole incidente di un fedele disabile. La Lauro, coadiuvata dal comandante dei vigili urbani G. Giuseppe Iacono dichiarò telefonicamente a chi scrive, “che giammai l’associazione avrebbe osato oltraggiare un bosco come quello di Zaro, oltretutto relegato ad alto vincolo paesaggistico”. Un episodio che ha destato grande interesse tra i fedeli e risonanza sui media locali. Ad horas, se si vuole e ci si impegna, potrebbero smantellare anche grattacieli come si evince dalla foto.  Episodio che avrebbe avuto un seguito in colata di cemento e stravolgimento di impatto ambientale in una zona boschiva e di grande interesse paesaggistico. Il dissesto economico ha avuto gravi ripercussioni economiche sui cittadini. Il degrado ambientale, non solo locale ha investito con minore energie e risorse la povertà e l’ambiente. Un varco da trovare qui sull’isola e nel mondo per superare la crisi e le sfide dovrebbe coincidere con un cambiamento radicale del nostro modo di vivere e di pensare. La rampa cementificata è stata vista e calpestata da fedeli nostrani e non. Nessuno si è sognato e adoperata a denunciare l’oltraggio ambientale . Il cemento ormai è endemico: proprio del territorio. E nessuno si ravvede ancora . Il modo di sfidare la crisi ambientale e quella economica ( Ischia viveva di Verde smeraldo. Visitata x i colori e Natura) deve basarsi su un modo di vivere da dipendente o egocentrico  a quello di benessere  dell’ambiente e dell’uomo. A Zaro vanno ripiantati alberi e bandire una volta e per sempre il colore grigio del cemento assassino. Una campagna promossa nel 2006 dal programma delle Nazioni Unite( United Nations Envirenment Programme)  ha visto piantato in tutto il 2009 , circa sette miliardi e quattrocento milioni di alberi in tutto il mondo. A Ischia gli alberi si tagliano per accendere camini. Vedi i cinquanta e più di lecci tagliati in Fondazione Colombaia  nell’anno 2013. La campagna delle Nazioni Unite ha visto milioni di cittadini –dai bambini fino ai capi di stato. E si calcola che sia stato piantato almeno un albero per abitante della terra. Vogliamo riappropriarci del nostro verde? Vogliamo fare turismo oppure costruire rampe per accogliere fedeli disperati su piattaforme di cemento armato? La Lauro ha capito e agito. L’archeologa presidente ha dato il via a una serie di progettazioni per accogliere i fedeli della Madonna zarina in pieno splendore. Tra alberi secolari e legno vedremo la Madonna ridere e con un vivere contributivo da parte della popolazione isolana assisteremo a una ripresa economica nell’ambito del turismo. Il contributo per l’ambiente è non solo la denuncia. E’, e rimane soprattutto anche il rispetto per Esso. Di lucia manna

vocidaischia.@gmail.com

S

Un ulteriore contributo in cemento è voluto nella zona di Zaro dall’associazione della”Madonna di Zaro”.

 

SAlla fine degli anni settanta i così detti “colpi di mano” leggi case abusive, venivano perpetrati a danno dell’ambiente di notte. Oggi 2014 quel pizzico di pudore è scomparso e il cemento, anche nei boschi con vincolo assoluto, viene gettato addirittura di giorno. Martedì 21 ottobre alle ore 10-45, telefonicamente abbiamo avvisato il comandante dei vigili urbani ing. G.Giuseppe Iacono di un attentato cementisco ( termine da noi coniato) nei locali della madonna di Zaro:” Mando subito la mia squadra” ci ha assicurato il vigile comandante. Tranquilli e felici della rassicurante risposta abbiamo continuato il nostro modesto e onesto lavoro. Senza dubbio i vigili sono sopraggiunti in località Zaro ma ….l’ammalato era già morto. Come si evince dalle foto una rampa di cemento è stata colata lungo il breve pendio. E in pieno splendore di sole. Rampa che porta alla benedetta Immacolata concezione. La madonna concepisce questa volta con dolore un passaggio che avvicina l’uomo-fedele a lei. Ieri siamo ritornati sul luogo del delitto ambientale alle h.17.46 e tutto era perfetto: il cemento ancora lì. I fedeli che pregavano e cani che annusavano preservati che immancabilmente “ i romantici “ lasciano nella zona. La novità è che senza attendere il rientro al nostro studietto , spinti da una forte incazzatura abbiamo ritenuto telefonare al presidente dell’associazione dott.ssa Lauro Maria. La dottoressa, con grazia e cortesia ha tenuto a precisare che non sapeva niente del disastro:” manderemo qualcuno a rimediare. So per certo che una carrozzina di un fedele è inciampata in uno dei buchi della rampa e il padre di una delle veggenti tempestivamente ha cercato di tamponarne le buche. Solo ora aprendo che lo ha realizzato con del cemento. Io sono fiscale. Tanto è vero che collaboro con la Curia vescovile. Come associazione ho dato il via ad una serie di progettazioni che rispettino l’impatto ambientale per le ulteriori modifiche che verranno apportate alla zona circostante.” Stando alla categorica visione della lauro le migliori esperienze in ingegneria e architettura saranno messe a servizio della Madonna e per la madonna. E dobbiamo crederci vista la stimata laurea in archeologia che il presidente ha scelto in passato L’archeologo quando cammina ha il timore persino di appoggiare il piede su un territorio temendone di calpestare qualche oggetto prezioso. In caso specifico La dottoressa Maria teme di profanarne il sacro luogo con il cemento e cosine varie. Fiscale e ambientalista l’archeologa della Curia Vescovile di Ischia Porto. E presidente di una associazione in via di grande sviluppo  con forte propensione all’evoluzione spirituale? Ritornando all’esamina il 23/10/04 sempre in zona per perlustrazioni, abbiamo richiamato telefonicamente il comandante G. Giuseppe Iacono che con il suo fare gentile ha risposto che stava in zona pronto a incontrarci e prendere atto della rampa per poi intervenire nei modi di legge. Ore  17-22 del 23-10-2014- Dopo il rassicurante colloquio telefonico con il presidente Lauro e la spasmodica attesa di Iacono alle 17-46 sempre del giovedì di ottobre 2014 abbiano ritelefonato al comandante dei vigili di Forio rassicurandolo che tutto era in ordine. E che L’archeologa- presidente dell’associazione  per conto della madonna di Zaro aveva assicurato la rimozione del cemento e che i progetti per l’area  circostante al sacro luogo erano in via di sviluppo. E tutti vissero felici e contenti. La madonna ha esultato di gioia. Il comandante dei vigili Iacono ha dichiarato:” Tutto Bene”. Noi che scriviamo ripotiamo l’accaduto. E i fedeli calpesteranno la rampa di cemento senza buche. Tutto in progress come dicono gli inglesi. Così è…se vi pare. Il palco si riapre. Molti saranno gli attori. Tantissimi gli spettatori. Impotente sarà la Natura zarina. A meno che la madonna non li illumini tutti. Sindaco e giunta compresa.di lucia manna

 

Traghetti: Acheoraparte? Un sito per i pendolari del golfo di Napoli

Nasce il nuovo sito www.acheoraparte.it per pendolari e turisti che quotidianamente solcano il Golfo di Napoli.

Lo scopo, quello di fornire, in modo gratuito, un’informazione costantemente aggiornata sugli orari delle compagnie di navigazione (Caremar, Alilauro, Medmar, Snav) così come sulla situazione in tempo reale delle corse di traghetti ed aliscafi da e per le isole di Ischia e Procida.

Un servizio di pubblica utilità scaricabile anche sul proprio smartphone grazie all’App “Orari Aliscafi e Traghetti” (per Android) dall’interfaccia semplice e intuitiva che sarà sicuramente accolto con soddisfazione dai quasi 10 milioni di passeggeri che ogni anno transitano nel golfo di Napoli.

Inoltre per le migliaia di pendolari che ogni giorno affollano il golfo più trafficato d’Italia e spesso apprendono che la loro corsa giornaliera è stata sospesa quando ormai è troppo tardi Acheoraparte.it propone un servizio gratuito di “SMS Alert” una notifica che arriva direttamente e comodamente sul cellulare con il quale restare sempre aggiornati in caso di ritardi/cancellazioni ed evitare inutili corse o perdite di tempo.

INCONTRO-EVENTO M5S AL CIRCO MASSIMO DI ROMA

IMG_20141011_111329Da venerdì 10 ottobre a domenica 12 il Movimento cinque Stelle ha dato il via a un incontro-evento per mettere in luce le varie problematiche che affliggono l’Italia. Un vasto programma di interventi per illustrare ancora una volta ai simpatizzanti e non, la pochezza e i limiti del governo Renzi. Tematiche che vanno dal reddito di cittadinanza alla politica estera sono state trattate dai vari deputati e senatori con cognizioni di cause. L’intervento rapido di Grillo sulla moneta ha racchiuso tutta l’Anima dello stellato Movimento:”Vogliamo la svalutazione della moneta , o la Vita delle persone? O ci riprendiamo la moneta o non abbiamo futuro. Noi vogliamo la crescita dell’intelligenza e della cultura.” La senatrice Barbara Lezzi con le sue diverse deleghe ( produttività- ricerca-turismo ecc.)e le sue molteplici proposte fatte in Parlamento ha dichiarato che:” le istituzioni non possono essere non sensibili ad uno dei settori più incisivi per la crescita del paese Italia. Il turismo deve essere sostenibile. In grado di attirare turisti. Oggi siamo qui al Circo Massimo, uno dei tanti patrimoni dello stivale. L’Italia è il primo paese nel mondo individuato dall’UNESCO. Migliaia di giovani stanno nell’ambito del turismo quindi va potenziato nell’Ente promozione Italia. Ente che ha fatto un buco e fatture false. Ente che doveva promuovere. Attirare i turisti. Per Pompei ad esempio 100 milioni di euro non ancora utilizzati. Anche per Napoli la stessa cifra non utilizzata e questi fondi europei scadono tra poco , ossia nel 2015. E il sindaco della città partenopea, città d’arte e cultura sostiene che sta partendo”. Non possiamo citare tutti gli interventi, scegliamo Fabrizio Cinque, sindaco di Bagaria località siciliana merita la nostra attenzione. Cinque minacciato più volte ha commentato che “ la mafia è andata al Nord ma molte teste sono ancora al Sud. Il sindaco contrario ai finanziamenti per le missioni di guerra chiede a quelli della Festa dell’Unità di parlare di scuole e quant’altro. Il deputato Carlo Sibilia, sul tema Sovranità monetaria ha parlato di metatesiofobia (paura del cambiamento). Termine clinico per indicarne la malattia.” Il 14% della popolazione ha raggiunto il picco con questa malattia. Per Sibilia sovranità significa coltivare il proprio cibo. Dare il reddito di cittadinanza a chi non possiede lavoro. Uno dei nemici della Sovranità è Mario Draghi e i primi responsabili le BANCHE. Le ENERGIE fossili se non fossero finanziate dalle banche le emissioni di Co2 sarebbero ridottissime. Bisogna cambiare concetto del Pil. Sostituendolo al concetto felicità assoluta. E non più prodotto interno lordo”. Riuscito l’evento inseguito dai vari media nazionali e internazionali. Da essi sapremo se, come sempre sostiene Grillo, quanto la notizia fa notizia se riportata integralmente.

 

Di: Lucia Manna