Informazioni su Lucia Manna

Seguimi su Twitter https://twitter.com/lucia_manna e su Facebook https://www.facebook.com/lucia.manna.758

AmaForio.Nicola Manna e le Sue politiche ambientali

#AmaForio è la dicitura scelta, che io condivido, per esortare la popolazione di Forio nell’innovativo percorso di raccolta dei rifiuti solidi urbani.
Io ho sempre creduto fortemente nelle politiche dell’ambiente, e in un serio ciclo di raccolta differenziata. Ne ho impostato, assieme agli amici che lo hanno condiviso con me, un impegno politico.
Seguire accuratamente il conferimento dei rifiuti differenziati è, a mio avviso, un ulteriore passo di civiltà e ammodernamento del nostro paese.
Bene ha fatto questa amministrazione ad accelerare su questa nuova procedura di raccolta dei rifiuti, che io ritengo doverosa per un paese così importante, come lo è Forio.
Sta a tutti noi seguire responsabilmente questo nuovo percorso. Lo dobbiamo a noi stessi, e alle nuove generazioni.
Nicola Manna.

Lettera aperta dell’imprenditore Paolo Tomai a: Mattarella-Draghi-de Luca-Carfafaglia-L’etica del lavoro non paga

Importante! Lunghino ma sintetico, e soprattutto riassuntivo (inutile dire che per me sarebbe importante avere il massimo appoggio, almeno virtuale)
Lettera aperta a mattarella, draghi, carfagna, garavaglia e de luca:
nel 90 sono stato obbligato dal comune a fare a mie spese l’allaccio alla fogna; nel 97, visto che la fogna non era stata fatta, sono stato obbligato a fare a mie spese un pozzo nero a norma (ad espurgo, non assorbente, per chi ne capisce); a tutt’oggi, ndr, la fogna non è stata fatta! nel 99 accedo ai fondi cee a fondo perduto DUPIM, dei quali ne ricevo, nonostante li abbia anticipati e rendicontati tutti, solo la metà; da 6 anni un vicino prepotente mi impedisce l’accesso carrabile alla mia tenuta, nell’indifferenza totale di sindaco, vigili, ufficio tecnico e forze dell’ordine. ricordo, a chi non lo sapesse o se lo fosse scordato, che mia mamma è invalida 100%! quando poi mi chiedete… “perchè non denunci?” rispondo: “perchè quelli che mi hanno fatto la casa abusiva sotto casa la notte di natale 2007, hanno una figlia magistrato e un genero notaio!” …la bestemmia la lascio a voi! nel contempo, si continua a costruire abusivamente, a fare pozzi neri illegali, a fare discese a mare illegali. inoltre, in tempi in cui si parla tanto di ecosostenibilità, l’arpac campania (l’agenzia dell’ambiente campana…che non vede la terra dei fuochi e la trasformazione del sarno in fogna a cielo aperto) mi sigilla il pozzo geotermico…paradossalmente sempre ed ancora perchè non c’è l’allaccio in fogna. aggiungo: sono tra i pochi ad aver accettato il ricatto del bonus vacanza (uno sconto dell80%, mica cazzi) ma avendolo accettato, per rimanere in ordine con le tasse, non rientro nel decreto sostegni, perchè sulla carta non ho avuto la perdita del 30%, indispensabile per accedere alle agevolazioni. aggiungo: seguendo il consiglio governativo, mi sono applicato nel turismo di prossimità, provando a lavorare coi locali… e mi avete mandato sbirri intruppati armati fino ai denti un sabato sì e l’altro pure.
ecco, cari governanti, intanto che mettete a punto l’ennesimo condono, mi dite cosa cazzo devo fare ancora per riuscire a mettere un piatto in tavola per i miei figli? io un’idea ce l’avrei… ma non sono mai stato in galera, e ormai non ho più l’età!
ergo “Kavalla Kavalla, nulla cambierà veramente, Cervetro a primmavera!”Paolo Tomai

 

Carmelo Amente incomincia uno sciopero della fame. Risoluto combattente, da anni indefiniti perora i diritti civili e sociali dell’isola dIschia e del mondo scrive alle autorità preposte affinche la nostra Aenaria sia liberata dal rosso porpora e individuata a zona meno accecante per il nostro turismo. E per la nostra comunità. La lettera aperta di Amente e il Suo sciopero fame

Al: Preidente Mattarela -prefetto di Napoli-Carabinieri-Polizia-Governatotre della Regione Campania Vincenzo de Luca- presidente del consiglio in carica Mario Draghi“Preciso di non essere negazionista, ma ritengo  fondamentale che le isole, quale è la mia Ischia, non avendo contagi invasivi proporzionati al numero di abitanti, avrebbero meritato altro e diverso trattamento rispetto al resto del territorio continentale, come a buona ragione è stato richiesto dai sindaci di Ischia e di Forio, rimasti inascoltati. Oltre un anno dalla dichiarazione dello stato di emergenza, siano al punto di partenza, a causa di uno Stato inefficiente che ha portato tutte le categorie sociali alla fame. Allora, non sarà quello Stato a decidere come e quando dovrò morire: preferisco farlo io!. Perché voi dalla vostra avete la legge, io dalla mia ho la DIGNITA’, per me VALORE non barattabile con imposizione alcuna”.

L’artista Felice Meo sempre più in ascesa con le sue opere d’arti. Casamicciola,La terra del terremoto ha partorito una genialità che fa onore all’intera isola d’Ischia

Festival dell’arte – Sanremo
In diretta da Sanremo, galleria La Bomboniniere, alcune immagini del vernissage della mostra alla quale partecipo con una mia opera “I volti dell’Africa”.
Presenti all’inaugurazione dell’evento che si tiene in concomitanza con il Festival di Sanremo, il maestro Gallo ( direttore d’orchestra del teatro Ariston), Giancarlo Bacchi (Rai) e Michele Affidato (Premio Montecarlo).
Festival dell’arte – Sanremo
In diretta da Sanremo, galleria La Bomboniniere, alcune immagini del vernissage della mostra alla quale partecipo con una mia opera “I volti dell’Africa”.
Presenti all’inaugurazione dell’evento che si tiene in concomitanza con il Festival di Sanremo, il maestro Gallo ( direttore d’orchestra del teatro Ariston), Giancarlo Bacchi (Rai) e Michele Affidato (Premio Montecarlo).

Nemesi storica dell’ex sindaco di Napoli Bassolino fatta dal vulcanico Gigi Lista

Rete 4. La Palombelli e Sansonetti fanno una marchetta politica a Bassolino senza precedenti alla storia, manco fosse il padrone della tv.
Ma veramente esiste gente in città che vuole Bassolino Antonio sindaco di Napoli?
È vero, esce innocente da 17 anni di processi. Sia chiaro, io non ho alcuna fiducia nei tribunali che non hanno nulla a che vedere con la #GIUSTIZIA e forse non è il suo caso ma non sempre chi è innocente per la legge italiana è di fatto innocente e viceversa chi è colpevole per la legge poi è realmente colpevole. C’è una differenza abissale tra LEGALITÀ E GIUSTIZIA.
Ma vogliamo negare le responsabilità politiche sulla munnezza fatta arrivare al terzo piano dei palazzi da Bassolino?
Le sue responsabilità #politiche sull’emergenza rifiuti sono palesi e solo in un paese come l’Itaglia, uno come lui potrebbe essere ricandidabile senza colpo ferire.
Ma credetemi il vero problema di Antonio Bassolino non è questo, voglio andare oltre ad una serie di accuse che gli muoveranno tutti, rivangando il suo passato. La mia titubanza, la mia critica è al suo modo di fare politica e anche alla comunicazione che usa. Sembra di essere tornato venti anni indietro, ancora con quella retorica di una Napoli miserevole, pezzentella, stracciona, che vuole elemosinare dalle istituzioni, che poi di fatto hanno dimostrato di non esistere mai per noi. Bassolino è l’uomo politico che si rifà al dialogo istituzionale, una Napoli che vuole aiuti, e tutta una serie di cazzate che hanno sempre dato ai Napoletano una immagine di serventi sciocchi. Quando lo sento parlare mi torna in mente Rosetta Jervolino ex sindaco di una Napoli, prostrata alla Milano da bere. Una Napoli che di fatto non esiste più.
È vero, De Magistris ha tradito quel movimento di rinascita culturale e commerciale che Napoli ha saputo vendere, ma questo non deve farci desistere dal ricercare un terminale politico che sia un outsider e non un insider istituzionale.
Parlo dei Quartieri Spagnoli, fulgido esempio di come il rumore dei colpi di pistola abbiano fatto spazio, nel tempo e grazie allo sviluppo turistico, al rumore delle rotelle dei trolley.
Il rifiorire del centro storico che, con baretti, locali, ristoranti e turismo, ha dato spazio ad artisti di strada, iniziative culturali che hanno portato SOLDI, SOLDI, E ANCORA SOLDI AL POPOLO NAPOLETANO. Un movimento culturale e commerciale che ha portato benessere a tutti coloro che hanno operato nel centro storico di tutta Napoli, dai Quartieri a Forcella.
Il pianeta “istituzionale” napoletano trae la propria forza vampirizzando la città, peggio ancora dei camorristi. Sono mafiosi dentro, delle istituzioni fanno un uso personale, utilizzando il loro potere per spezzare il fiorire del commercio che trova la vera ricchezza nello sviluppo della cosiddetta movida e non solo che, per quella parte di città, è un modo di fare economia inaccettabile.
Di fatto, però, questo sviluppo del centro storico molto criticato ha portato più benessere delle fabbriche o delle industrie volute da tutti, quelle fabbriche ed industrie che hanno solo lasciato una serie di eco-mostri. Un altro lato di questa città che definirei “fantasma”, in cui hanno solo speculato ed inquinato, senza lasciare nulla. Il turismo e le università hanno portato all’occupazione di decine di migliaia di persone ed ha fatto crescere una piccola e media classe imprenditoriale, tutta napoletana e del centro.
Ecco. Bassolino sarà il sindaco di coloro che vogliono spegnere il centro storico e trasformare Napoli, come venne trasformata Roma, distruggendo il fermento culturale e commerciale del periodo della “Dolce Vita” per trasmutare il centro in una cartolina buona per la speculazione immobiliare che ha portato allo svuotamento del centro storico romano e quindi alla morte della vita, salvo alcune zone che fortunatamente hanno saputo In blu il nuovo slogan, in rosso quello delle passate elezioniresistere a questa manovra criminale di una certa politica. Questo svuotamento del commercio popolare, cioè attività che fanno capo a persone che vivono al centro, che sono del centro e che appartengono ad un ceto sociale medio o medio-basso infastidisce la fascia borghese di Napoli che vede la città come un suo giardino o terrazzo personale buono solo per portare a pisciare il proprio cane, avendo per sé il culo al sole da svariate generazioni. Bassolino con il suo richiamo istituzionale parla a questo elettorato.
Ma noi, a Napoli, in un momento di recessione, di pericolo imminente della distruzione del commercio, siamo proprio sicuri che il politico che ha fatto peggio di tutti in termini di danneggiamento mediatico alla città di Napoli sia l’uomo giusto? Io credo che se si dovesse verificare una sua vittoria per noi tutti non ci sarebbe altro che scappare via, ma lontano, per non vedere la tragica fine della nostra amata città.Gigi Lista

Nicola Manna attento alla politica ed ex candidato a sindaco di Forio si occupa e si preoccupa degli stagionali ischitani con il fervore che lo contarddistinguee

Una delle categorie più colpite da questa pandemia è stata, senza dubbio, quella dei lavoratori “stagionali”.
I lavoratori stagionali hanno dovuto navigare in un vero e proprio clima di incertezza, dettato da una burocrazia che in Italia rallenta il processo di risoluzione dei problemi.
Francesco Del Deo, sindaco di Forio, ha mostrato di non essere insensibile a questo dramma sociale, interessando della vicenda il governo centrale.Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e sorriso
Io ritengo che la politica non debba strumentalizzare le situazioni di crisi, ma porre dei rimedi con interventi certi.
E questo, nello specifico del problema riguardante la categoria dei lavoratori stagionali, può avvenire con un intervento diretto del Presidente Mario Draghi, e del suo governo.
I comuni, purtroppo, hanno esigue possibilità di cassa, e far fronte a una platea importante, come quella dei lavoratori stagionali, diventa un compito davvero proibitivo.
Mi auguro che il governo centrale voglia dare risposte adeguate al dramma dei lavoratori delle isole minori, di cui Del Deo si è fatto garante.
Nicola Manna.

Il criminoso disegno della dittatura Sanitaria spiegato in due battute e con il fumo che ne consegue da davide Iacono

#Campania, soldi in fumo, vita in fumo, cervelli in fumo…….Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, barba e spazio al chiuso
Un ebete circondato da paralitici mentali, unici nel pianeta , chiude le scuole alla cazzo di cane..
Un demente che sta devastando #scuola e rapporti sociali e il 70% del popolo pensa ai vaccini e bardarsi( non con cognizione ma in maniera maniacale), o peggio ad inveire verso il prossimo( mai uno che mi dice : e la mascherina….)
Mesi fa screen alle scuole, file e soldi e poi chiuse dopo 24h, oggi vaccini al corpo scolastico e chiude …….soldi, movimento di soldi, in salute stiamo bene ( chi la vive serenamente).
A legnate vi prenderei, o meglio vi prendo se “fiatate”.
●Ps: speriamo nel TAR, credo che può “correggere” qsto atto vile.
●Pps: evitate vaccini se siete sani, “usate il meno possibile detergenti e mascherine”, mandate a cagare il prossimo che vi inveisce contro.D.I

 

Giornata internazionale della Donna online organizzata dall’associazione Radici

Un evento ON LINE per ricordare conquiste, discriminazioni e violenze sulle donne.
La primavera alle porte diffonde un intenso profumo di mimosa, che ci conduce dritto alla Giornata internazionale della Donna, che ricorre l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze, di cui le donne sono state, e sono ancora, oggetto in quasi tutte le parti del mondo. Nonostante dappertutto sia conclamata l’esigenza secondo cui la donna svolga un ruolo preminente nella vita sociale, spesso si assiste, sia dai comportamenti personali, sia istituzionali, ad una negazione di questo principio ineluttabile. Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e sorriso
In occasione della giornata internazionale dedicata alle donne, l’Associazione Culturale Radici, non potendo utilizzare, a causa dell’emergenza sanitaria, i luoghi preposti e cioè il Museo Civico Giovanni Maltese, organizza, per l’occasione, un salotto virtuale, ove saranno accolti tutti coloro che vorranno apportare un contributo, una testimonianza al fecondo germe di idee, inizialmente proposte dagli ospiti invitati dall’Associazione. In proposito essa intende anche ricordare la figura di Fanny Jane Fayrer, che potremmo definire precorritrice delle moderne femministe.
Un evento ricco di ospiti e sinergie associative ove emerge la collaborazione con il Centro Ricerche Storiche d’Ambra, l’Associazione Vicoli Saraceni e l’Associazione Radici.
Tra i numerosi ospiti la Preside Angela Procaccini, autrice tra l’altro dell’emblematico libro “D”, sette donne accomunate da un dramma che ha segnato la loro vita; l’Avv. Nino d’Ambra, pioniere degli eventi isolani inerenti alla Festa della Donna, l’assessore al Welfare del Comune di Forio, Angela Albano, ideatrice e curatrice dello Sportello Donna a Forio. Interverranno inoltre il M° Raffaele De Maio, il regista e scrittore Prof. Eduardo Cocciardo. L’Associazione Radici accoglie inoltre, in rappresentanza dell’Associazione Vicoli Saraceni la partecipazione speciale della Prof. Anna Capodanno e Anna Castagna. Nel corso della serata il M° Nello Di Leva, dal rinomato laboratorio ceramista Kèramos, si esibirà nel confezionamento di pezzi unici dedicati alla Donna. Vari contributi musicali saranno offerti dalla cantante e attrice Sara Pantalone, dall’eclettico e vulcanico M° Franco Patalano ‘U Ssol, mentre i Proff. Federica Monti e Fabio Bianco, oltre che esibirsi personalmente, guideranno gli allievi dell’IC Forio 1 e dell’Accademia Musicale Note sul Mare nell’esecuzione di brani del repertorio classico.
Come si evince dal titolo dell’evento «Lotto di marzo» non è un gioco di parole ma un’esortazione alla lotta, all’aggregazione alla rivendicazione di un ruolo prioritario al femminile. La serata sarà incentrata sul ruolo della donna, anche in considerazione del maggior carico di oneri e responsabilità derivante dalla pandemia.
La scelta simbolica della mimosa come simbolo dell’emancipazione femminile risale, in Italia, al 1946 quando le organizzatrici delle celebrazioni romane cercavano un fiore di stagione che costasse poco, e lo trovarono appunto nella mimosa.
Appuntamento, dunque sulla piattaforma google meet al link.https://meet.google.com/vpn-fzmh-osw Lunedì 8 Marzo 2021 ore18.30
Altre notizie e foto alla pagina:http://www.iltorrioneforio.it/…/event…/2-lotto-di-marzo/
Luigi Castaldi

Interessante proposta di Paolo Tomai per le vacanze estive:scaglionare tra giugno-agosto-settembre il flusso turistico per evitare i contagi

A inizio pandemia, feci una proposta chiara e semplice per aiutare il settore del turismo: obbligare, per decreto legge, i 4 milioni di dipendenti pubblici italiani, ad andare in ferie scaglionati (1 milione a giugno, 1 a luglio, 1 ad agosto e 1 a settembre). purtroppo, al solito, non sono stato ascoltato; e infatti, ad agosto l’italia è diventata una bolgia, e, guarda un po’, a settembre sono ricominciati i contagi. quindi, ribadisco, e lo dico per tempo, questa sarebbe l’unica maniera (considerando che anche in questa stagione gli stranieri saranno pochi) di risollevare la drammatica situazione in cui versa il comparto turistico, che, è importante sottolineare, oltre al cazzo di 13% del pil… ha un grande potere rigenerativo e direi quasi taumaturgico su un popolo che, al di là dei problemi economici, anche mentalmente inizia a dare chiari segni di squilibrio! daje draghi, pensaci seriamente! così non ci devi manco più dare alcun ristoro, che ce la vediamo noi!!!p.t.
chiesetta del Soccorso di Forio d’Ischia.Architettura povera é una delle più belle e ammirate d’Italia

L’euro fonte di tutti i mali é in agonia.Altre valute dei mercati internazionali lo indeboliranno e lo inghiottirano

IL PROBLEMA E LA FONTE DI TUTTI I MALI E i DRAMMI ITALIANI,E’,E RIMANE “L’EURO”UNA MONETA CHE STA X MORIRE PERCHé ORMAI NON PUO’ PIU’ COMPETERE COImmagine 1 - 1-EURO-ITALIA-2009-034-L-039-UOMO-034-DI-LEONARDO-DA-VINCI-GIGANTE-7-09-FDC-UNCN GLI ALTRI MERCATI.MATTEO SALVINI CHE HA CONTINUAMENTE ESPRESSO IL DESIDERIO DI LIBERARCI DA QUESTA EUROPA EURO-TOSSICA , IN EFFETTTI LO ENUNCIAVA FALSAMENTE DATO CHE I SUOI INDUSTRIALI DEL NORD A CUI LUI STESSO DEVE DAR CONTO E TENERNE CONTO ,HANNO BISOGNO DI QUESTA MONETA X LORO ANCORA FORTE DAL PUNTO DI VISTA INDUSTRIALE NON SCORGENDO DA BRAVI IMPRENDITORI CHE LA COMPETIVITA’DELLE ALTRE VALUTE INTERNAZIONALI SI E’ MOLTO EVOLUTA NEGLI ULTIMI ANNI. E CHE TRA L’ALTRO L’EURO-TTTTTTTOSSICOTOSSICO STA IN AGONIA.PENSAVO TRA L’ALTRO CHE SALVINI CHIAMATO AL DOVEROSO APPELLO DI DRAGHI PER LA FORMAZIONE DI UNA MAGGIORANZA GOVERNATIVA ,L’ESPONENTE LEGHISTA NON ABBIA AVUTO NESSUNA PERPLESSITA’NELLO SCAMBIO PACCHETTO- DONO .: DUE MINISTERI ASSEGNATI. E VISTA UNA SUA PROSSIMA DIATRIBA POLITICA PERCHE’ NON ACCETTARE . E COME X DIRE:”PRENDI DUE E PAGHI UNO”.LA MELONI UN PO’ PIU’ FURBETTA E LUNGIMIRANTE NON HA ACCETTATO DI VOLER SOSTENERE IL GOVERNO “SALVA PATRIA 2 …E POI MUORI, PERCHE’HA INVESTITO NEL SUO FUTURO ELETTORATO CHE SECONDO “LA DUCINA”LA PORTERANNO IMMANCABILMENTE ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DATA LA SUA COERENZA E L’AMOR DI PATRIA! TUTTI GLI ALTRI SERVITORI DELLA PATRIA NON AVREBBERO NEPPURE AVUTO IL BISOGNO DELL’INVITO AUTOREVOLE DEL MASSONE PRESIDENTE MATTARELLA VISTO CHE QUASI TUTTE LE NOMINE E GLI INCARICHI DA CONTE AD ALTRI SONO ARRIVATI E SUGERITI DA BRUXEL.POTREBBE MAI UN MOISTA CHE LAVORA IN FABBRICA PERORARE CAUSE SINDACALI? ” MA COME…IO TI DO’ LAVORO E QUINDI PAGA, E TU COMBATTI CONTRO ME CHE SONO IL PADRONE?”l.m,